Cetraro In Rete • CiRNews.it

L’informazione che mancava

L’API risponde al Sindaco

- Politica

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Circolo API di Cetraro Marina, rilasciata in risposta alla puntata dell’11.VI.2012 della rubrica Parliamone. Rubrica – lo ricordiamo – tenuta dal Sindaco Giuseppe Aieta sul suo profilo Facebook. “Il giudizio dell’API, circolo di Cetraro Marina, su quanto contenuto sulla nota del Sindaco di Cetraro “Parliamone 11.06.212”, è complessivamente positivo”. […]

Facebook

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Circolo API di Cetraro Marina, rilasciata in risposta alla puntata dell’11.VI.2012 della rubrica Parliamone. Rubrica – lo ricordiamo – tenuta dal Sindaco Giuseppe Aieta sul suo profilo Facebook.

“Il giudizio dell’API, circolo di Cetraro Marina, su quanto contenuto sulla nota del Sindaco di Cetraro “Parliamone 11.06.212”, è complessivamente positivo”.

“Bene ha fatto l’Amministrazione comunale di Cetraro, a non aumentare la pressione fiscale dei cittadini di Cetraro, prevedendo per l’IMU della prima casa la riduzione al minimo pari al 2 per mille e non innalzando quella delle seconde case. Siamo d’accordo che aumentare le tasse, provoca recessione sulla già debolissima economia locale. Ci piace molto che l’amministrazione, abbia con coraggio e chiarezza, ammesso che l’economia locale è debolissima”.

“Noi dell’API di Cetraro siamo convinti, che pari all’amministrazione comunale, che sulla prima casa non si possa pretendere che gli italiani e, in questo caso i Cetraresi, paghino altra tassa su qualcosa che hanno già pagato con il loro lavoro ed i loro sacrifici. Al contrario, anche noi, riteniamo che il gettito derivante dall’IMU, sia sostituito da una patrimoniale sulle grandi ricchezze e dalla tassazione delle rendite finanziarie. Bisogna, finalmente, mettere le mani nei portafogli pieni dei ricchi e non su quelli vuoti dei poveri! Noi dell’API, ci rendiamo conto dell’immane sforzo che l’amministrazione ha fatto, rinunciando a risorse finanziarie determinando l’aliquota dell’IMU al 2 per mille sull’abitazione principale e lasciando invariata quella sulle seconde case, pur sapendo che nell’anno finanziario 2012, dovesse affrontare gravi difficoltà finanziare. Va inoltre posto l’accento, con favore, la non applicazione della TOSAP per i commercianti. che mai come ora, stanno affrontando una crisi economica dalle proporzioni, al limite della sopportabilità”.

“Il non aver aumentato l’addizionale IRPEF di due punti percentuali, possibile per legge, fa onore a detta amministrazione, considerando che i contribuenti sono oberati da tanti altri balzelli del Governo Centrale. Bene, la riduzione della tariffa idrica, in base alla quale erano stati chiesti acconti esagerati, bene anche la differenziazione di essa a secondo il nucleo famiglia ed in base all’uso o meno dell’abitazione stessa. Resta da fare una cosa importante, la lettura di tutti i contatori, il controllo degli allacci abusivi e della funzionalità dei contatori. Senza la lettura dei contatori, si rischia di non poter determinare il consumo effettivo ed il rifiuto del contribuente di pagare ancora in modo forfetario. Fare detti controlli e letture, credo non sia una cosa molto difficile.

Lodevole ed importante la somma stanziata (circa €.42.000,00) stanziata, per il sollievo alla disoccupazione.

La revisione della spesa al ribasso, è anch’essa, un’operazione, anche se difficile, encomiabile; perché senza la riduzione della spesa, bisogna necessariamente incrementare, il non piacevole prelievo fiscale. La riduzione in ragione di 473.000,00 € circa, è una cifra ragguardevole.

Ancora, più encomiabile, e la determinazione di voler ridurre le indennità di carica del 10%, eccetto quella del Sindaco, che non percepisce alcuna indennità, avendo lo stesso optato, opportunamente, per l’indennità di assessore provinciale.

Bene anche, essere ricorsi all’accensione di un mutuo di €.200.000,00 circa per realizzare la fognatura nelle contrade. Anche, molto importante, aver previsto il completamento della strada del lungoAron, opera che costituisce grande importanza per le contrade.

Crediamo, inoltre, che il voler chiedere, l’unanimità dei consensi su un bilancio di previsione, così concepito non sia affatto scandaloso.

Noi dell’API, circolo di Cetraro Marina, avremmo desiderato che in un Bilancio di Previsione, gli investimenti, fossero più considerevoli, ci auguriamo che possano esserlo per gli anni futuri (2013-2014). Siamo convinti, che le ristrettezze economiche del momento, non lo abbiano permesso.

Noi dell’API, ci riserviamo di rivedere le nostre considerazioni, a dopo aver letto le cifre inserite nella relazione al Bilancio della Giunta e di quella del Revisore”.

“Complessivamente se quanto detto nella nota del Sindaco, sarà tradotto nel Bilancio, sin da ora, ci riteniamo soddisfatti.

Buon Lavoro Sindaco, Buon Lavoro Giunta Comunale”.

COMMENTI AL POST
AUTORE DEL POST: Redazione




Scroll Up