Press "Enter" to skip to content

Venerdì 20 settembre la presentazione “Calabresi per sempre”

Durante la stessa serata sarà presentata anche l’opera “Il Cristo del mare” del maestro Pietro De Seta: quadro-scultura che verrà donato alla nova chiesa di Cetraro marina

CETRARO (CS) – È in programma per venerdì 20 settembre, alle ore 18.30, presso la Sala Conferenze della Colonia San Benedetto, a Cetraro marina, la presentazione/reading dell’antologia di racconti “Calabresi per sempre”.

Una raccolta dedicata alla Calabria e ai calabresi, curata dallo studioso di scrittura creativa Francesco Forestiero. Un progetto editoriale che, a pochi mesi dall’uscita in libreria – avvenuta il 20 maggio 2019 – è già alla prima ristampa.

Alla presentazione del volume, edito da Edizioni della Sera (Roma), saranno presenti, oltre al curatore del volume, gli autori: Alessia Antonucci, Aldo Mazza, Nunzio Scalercio, Adriana Sabato, Martino Ciano e Massimo Valentini.

Il Cristo del mare

Durante la serata verrà presentato alla comunità anche il quadro-scultura “Il Cristo del mare”, realizzato dall’artista e performer cetrarese Pietro De Seta. L’opera, che verrà donata alla nuova chiesa di Cetraro marina, è al centro del racconto omonimo presente nel libro e scritto dallo stesso curatore. Per l’occasione, interverranno il parroco di Cetraro Don Loris Sbarra e lo stesso De Seta.

I racconti del libro

«“Calabresi per sempre” – ha commentato Forestiero – è un’antologia unica, frutto di un lavoro di squadra di un team straordinario, che ho imparato a conoscere e apprezzare sin da subito. C’è tutto: storia, leggenda, ironia, ricordi, istantanee della nostra terra… È un itinerario nel cuore del profondo Sud, tra scenari suggestivi e protagonisti coraggiosi».

Gli altri racconti contenuti nel libro sono a firma di: Rosalba Baldino, Rossana Scarcelli, Anna Alagi, Angela Altomare, Domenico Bilotti, Davide Carpino, Cetta De Luca, Samantha De Martin, Fiorella Lorenzi, Maura Gigliotti, Elisabetta Motta, Maria Parafati, Stella Romano, Enrica Tancioni e Mariaguilia Votta».