Press "Enter" to skip to content

Rifiuti e incivili: adesso basta!

Sfogo del Sindaco Aieta che, con una nota da poco pubblicata sul suo profilo Facebook, punta il dito contro i trasgressori del servizio Porta a Porta. Ecco cosa scrive il primo cittadino. “Sarò sintetico: stiamo ripulendo i cumuli di rifiuti che in questi giorni si sono creati per responsabilità delle discariche chiuse. Il problema si ripresenterà perché la Regione ancora non è stata in grado di individuare una soluzione. Siccome non sono abituato a scaricare le responsabilità sugli altri, vi dico cosa possiamo fare noi per contenere il disagio”. “In alcuni punti della città la presenza dei cassonetti della differenziata…

Last updated on 26 Febbraio 2017

Sfogo del Sindaco Aieta che, con una nota da poco pubblicata sul suo profilo Facebook, punta il dito contro i trasgressori del servizio Porta a Porta. Ecco cosa scrive il primo cittadino.

Giuseppe-Aieta-Anteprima“Sarò sintetico: stiamo ripulendo i cumuli di rifiuti che in questi giorni si sono creati per responsabilità delle discariche chiuse. Il problema si ripresenterà perché la Regione ancora non è stata in grado di individuare una soluzione. Siccome non sono abituato a scaricare le responsabilità sugli altri, vi dico cosa possiamo fare noi per contenere il disagio”.

“In alcuni punti della città la presenza dei cassonetti della differenziata risulta insufficiente perché esistono incivili e balordi che continuano ad abbandonare i rifiuti per strada o nei cassonetti pur godendo del servizio Porta a Porta. Ma la cosa più deprimente è che dalle telecamere che abbiamo posizionato e dalle segnalazioni fotografiche che arrivano dai cittadini perbene risulta che coloro che trasgrediscono le regole sono, soprattutto, professionisti che, addirittura, si avventurano spesso in lezioni di civiltà e di moralismo. Gente che per il solo fatto di mettere davanti il proprio nome la parolina magica DOTT./AVV./PROF./ING. e bla, bla, bla credono di aver realizzato la loro esistenza. Che tristezza!

Conosco bene i soggetti (tutti multati, ovviamente). Vergogna! Vi abbiamo stanati anche se siete fortunati perché non posso pubblicare le foto della vergogna. Non abusate, però, della mia pazienza perché non so fino a quando resisterò e qualche giorno potreste ritrovarvi su tutti i giornali ripresi ad abbandonare i rifiuti pur godendo di un servizio che tutti vorrebbero e che si chiama Porta a Porta, cioè, rifiuti raccolti a domicilio. Invito, infine, i cittadini che non godono del Porta a Porta e che possiedono un giardino, a contattarmi perché stiamo distribuendo le COMPOSTIERE GRATUITAMENTE al fine di ridurre il rifiuto organico ( scarti di cucina e scarti vegetali ) che è circa il 30% del totale dei rifiuti.

Inoltre stiamo predisponendo l’allargamento del sistema Porta a Porta in alcuni quartieri periferici. Se non saremo accorti passeremo un’estate da incubo perché il problema non è in via di soluzione. La Regione non ha soluzioni immediate e noi abbiamo il dovere di salvarci solo rispettando le regole e facendole rispettare. Aiutateci a tenere la città pulita facendo sentire la vergogna addosso a chi la sporca”.

Comments are closed.