• 25 aprile 2018
Francesco Forestiero,

La nuova grafica di CiR… ca’ pù!

Che poi, finalmente, era ora… beh, traetene il significato che più preferite, ma l’espressione cetrarese “ca’ pù” è l’unica che riassume alla perfezione ciò che voglio dire con questo mio breve editoriale. Ovvero, meglio tardi che mai!

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

La messa in atto di una nuova grafica era in programma già da tempo. Ma impegni, lavori, notizie rilevanti e tante altre motivazioni ce l’hanno fatta sempre rimandare. E giorno dopo giorno, mese dopo mese, sono passati quasi sette anni dalla nostra apparizione sul Web… Era il 29 maggio del 2010 quando, sul dominio www.cetraroinrete.it, io e Andrea Ricco – da un appartamento di Rende –, caricavamo un flip book (una specie di pdf sfogliabile direttamente online) con una serie di foto ad alta risoluzione di Cetraro, con l’obiettivo di far conoscere a più persone possibili la nostra cittadina. Poi, dopo circa otto mesi, e quindi a metà gennaio del 2011, prendemmo un’altra decisione: trasformare il nostro sito in un portale d’informazione, in cui riportare notizie, commenti, scritti e via dicendo. Lo facemmo in pochi giorni. In fine? Sempre lo stesso, consapevoli che le notizie avrebbero attirato – anche per una questione tecnica – ancora più gente. E così, in effetti, è stato.
Da allora sono cambiate tante cose: abbiamo raggiunto un considerevole numero di lettori, si sono aggiunti dei collaboratori, abbiamo stretto contatti, implementato servizi, siamo approdati sui social network (che nel frattempo hanno fatto il loro exploit), abbiamo iniziato a pubblicare foto e video, a partecipare ad eventi e a documentare di tutto, a pubblicare comunicati stampa e via discorrendo. Ma una cosa è rimasta pressoché uguale: la grafica e, di conseguenza, il sistema di funzionamento del sito.

Oggi, a distanza di sei anni esatti da quel gennaio del 2011, Cetraro In Rete (che nel frattempo è diventato CiRNews.it) si rifà il look, assumendo un nuovo layout e un nuovo sistema di lettura, con una home page che raggruppa le ultime notizie pubblicate e mostra, con distinzione, le categorie: Attualità, Eventi, Cronaca, Editoriali e così via. Un unico grande mosaico organizzato in sezioni e sormontato dalle news In Primo Piano: uno slider con le ultime tre notizie pubblicate in ordine cronologico. Un tema che favorisce la leggibilità e l’interazione, con caratteri grandi e chiari, neri su fondo bianco. Essenziale.
Una grafica che, com’è giusto che sia per un blog d’informazione, punta sull’attualità, senza tralasciare però le altre sezioni (come quella dedicata alla Riviera dei Cedri o alle news Dal mondo) che, grazie appunto al tema adottato, trovano spazio nella pagina principale.
Un cambiamento questo che forse spiazzerà – almeno all’inizio – qualche utente abituato alle vecchie “regole di lettura” del sito. Ma che, col passare dei giorni – sono certo –, troverà anche più consensi, viste le innovazioni apportate al design (ora del tutto responsive) e l’attenzione prestata alla web usability… In parole povere (non voglio annoiarvi con concetti da addetti ai lavori o “pipponi” tecnici) vi dico solo che: il nuovo CiRNews.it si carica sui PC in pochi secondi, è stato pensato per agevolare la lettura dallo smartphone e dai tablet, offre un’alta visibilità sul Web (essendo indicizzato dai principali motori di ricerca), e tanto, tanto altro.

Che altro aggiungere? Nulla. Vi risparmio tutto il discorso sull’importanza del rinnovamento digitale e grafico dei siti ogni tot di anni, sulla continuità della linea editoriale, l’esperienza di lettura eccetera eccetera. Quindi, non mi resta che augurarvi…

Buona lettura!

A presto.

P.S. Naturalmente, e questo ci tengo a precisarlo, siamo umani, e quindi l’errore è sempre dietro l’angolo. Se ne ravvisate qualcuno o volete semplicemente farci conoscere una vostra considerazione o, chessò, un servizio che secondo voi potrebbe essere migliorato, l’indirizzo è sempre lo stesso: info@cetraroinrete.it.

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Potrebbero interessarti anche