Press "Enter" to skip to content

“I lavori del palazzo del Vicario a Cetraro sono fermi”

Comincia così il comunicato diffuso ieri da Mirko Spanò di Autonomia e Diritti. Comunicato che riportiamo integralmente di seguito. “I lavori del palazzo del Vicario a Cetraro, sono fermi. Ad oggi non si conoscono le motivazioni. Per detti lavori molti mesi orsono é stata stanziata  a favore del comune di Cetraro, da parte del Ministero delle infrastrutture dei trasporti, con decreto prot.n.69 del 24/01/2003, la somma in conto capitale di euro 1.080.687,12. Detta cifra era stanziata per il recupero del Palazzo del Vicario, antico palazzo risalente all’anno 1000, dove hanno trovato accoglienza personaggi illustri, come il Re d’Inghilterra Riccardo, detto…

Last updated on 26 Febbraio 2017

Comincia così il comunicato diffuso ieri da Mirko Spanò di Autonomia e Diritti. Comunicato che riportiamo integralmente di seguito.

Mirko-Spano'“I lavori del palazzo del Vicario a Cetraro, sono fermi. Ad oggi non si conoscono le motivazioni. Per detti lavori molti mesi orsono é stata stanziata  a favore del comune di Cetraro, da parte del Ministero delle infrastrutture dei trasporti, con decreto prot.n.69 del 24/01/2003, la somma in conto capitale di euro 1.080.687,12.

Detta cifra era stanziata per il recupero del Palazzo del Vicario, antico palazzo risalente all’anno 1000, dove hanno trovato accoglienza personaggi illustri, come il Re d’Inghilterra Riccardo, detto cuor di Leone, in viaggio per le crociate.

La dimora del vicario era il centro del potere del rappresentante dell’Abbazia di Montecassino. Oggi questo palazzo, è stato dimenticato dalla Giunta Aieta. A detto palazzo, oggi avvengono continui crolli dei cornicioni, degli intonaci, dal tetto, il cui materiale si riversa spesso tra le vie Silvio Pellico e via Regina Elena, con grave pericolo per i passanti.

Tali situazioni sono state, più volte segnalate dai cittadini agli organi comunali, ma ad oggi il problema persiste, e non si e fatto nulla per eliminarlo.

Sul problema del palazzo si é discusso in Senato, nella seduta del 26 febbraio 2008, a seguito di un’interrogazione parlamentale a risposta scritta n.4-03463  seduta n. 281 , il presidente della Commissione Lavori Pubblici del Senato, On. Anna Donati, con la quale si chiedeva al Ministro per i Beni Culturali, on. Francesco Rutelli di fare eseguire un’indagine conoscitiva, allo scopo di individuare le azioni necessarie affinché, il bene storico e paesaggistico citato, sia tutelato e valorizzato con divieto di trasformazioni, che ne facciano perdere caratteristiche storiche.

Il 21 marzo 2006, i residenti delle vie S: Pellico, e via Regina Elena, si sono rivolti, facendo presente tale problematica, alla Procura della Repubblica di Paola e al Signor Prefetto di Cosenza, ma ad oggi il problema è rimasto irrisolto e si è via via aggravato. Anche i Vigili del Fuoco hanno evidenziato, in una relazione la situazione di grave pericolo, e constato un cedimento strutturale dell’orditura principale del tetto, che risulta in gran parte divelta.

A seguito del crollo parziale di alcune travi, si sono determinate serie lesioni strutturali nei solai sottostanti. In tali condizioni l’immobile risulta pericolante perché le strutture portanti non sono in grado di garantire la staticità.

Nella qualità di esponente politico di autonomia e diritti, lo scrivente, Mirko Spano’, sollecita alla giunta Aieta, urgenti interventi al fine di scongiurare prevedibili crolli di parti dello stabile. l’esponente politico Mirko Spano’ di Autonomia e Diritti, ha cuore particolarmente la tutela del patrimonio storico di Cetraro, e si preoccupa per di tutelare i cittadini che per i loro problemi, spesso si rivolgono al sottoscritto, non trovando risposte alle richieste fatte direttamente all’Ente Comune.

L’esponente politico fa un accorato appello all’Amministrazione comunale di Cetraro a che prenda a cuore il suddetto problema”.

tabella-vicario-lavori

relazione-vigili-del-fuoco-palazzo-vicario

Comments are closed.