Press "Enter" to skip to content

Hydra del CVL Cetraro vince il Trofeo Marina Yacht Tropea

L’imbarcazione di Francesco Burza si impone nella prima parte del Campionato Invernale e conquista l’ambito premio challenge. Un risultato che va ad aggiungersi al successo di flotta del CVL, che guida la classifica generale, piazzando sei barche nelle prime sei posizioni. Gradino più alto del podio anche nella speciale graduatoria per Club, utile per l’assegnazione del Trofeo challenge Manfredi Liquori.

Vittorie senza soluzione di continuità quelle che il velico di Cetraro sta mietendo su tutti i mari da inizio anno. Un 2019 che si è aperto con la conquista del Trofeo Challange Manfredi Liquori per Club e si è concluso a Tropea con il successo del performante Mylius e con l’intera flotta del CVL che ha letteralmente dominato la prima manche della 13esima edizione del Campionato Invernale, manifestazione organizzata dal Circolo Velico Santa Venere timonato da Gianfranco Manfrida, in collaborazione con il Circolo Velico Lampetia di Cetraro, la Lega Navale di Cetraro e lo Yacht Club di Reggio Calabria. Un dominio anche numerico da parte del CVL, visto che l’associazione Cetrarese era presente a Tropea con ben sette imbarcazioni.

Hydra naviga a gonfie vele

 

Un grande gruppo (vincente)

Dopo la vittoria di Essenza-Nature Med ottenuta nella precedente edizione, quest’anno è toccato all’imbarcazione HYDRA (Black Sails)-Immobiliare Burza, armata da Francesco Burza, a portare a casa il premio finale. La premiazione si è svolta domenica 15 dicembre al Marina Yacht Club nella splendida cornice del porto di Tropea, egregiamente amministrato da Vincenzo Aristide Di Salvo, che ha ospitato 26 imbarcazioni partecipanti che hanno concluso convivialmente la 1^ manche.

Gli equipaggi del CVL durante un momento della premiazione

Ottimi risultati anche per le altre imbarcazioni targate CVL che, insieme a Hydra, occupano le prime sei posizioni della classifica generale. Un dominio assoluto in tutte le categorie che, anche in questa fase di campionato, si è dimostrata di elevato livello tecnico. Ancora una volta – ha dichiarato il presidente del velico di Cetraro Cristina Leporiniabbiamo dimostrato di essere un grande gruppo. È il secondo anno consecutivo che una barca del CVL vince questo ambito trofeo. Inoltre, abbiamo dominato anche nella classifica Overall, con sei imbarcazioni che occupano le prime sei posizioni in classifica, a dimostrazione che siamo un team che ha dato il meglio di sé, affiatato, competitivo, vincente”.

L’equipaggio di Hydra durante la consegna del Trofeo Marina Yacht Tropea

Alle spalle del Mylius 11E25, infatti, si è posizionata la temutissima Strega Rossa di Sergio Marini, a soli due punti di distacco, seguita dall’italo-francese Pierre Pommois a bordo di Eta Beta. Quarto posto assoluto per il lupo di mare Alessandro Fabiano su Ariel, mentre l’esperto armatore di Tamata, Alfonso Coscarella, è quinto nella overall, ma secondo nella classifica finale di categoria. Sorprendente la prestazione dell’esordiente Francesco Converso a bordo Asch che, con un equipaggio ben coordinato dai più esperti di bordo, ha ottenuto una meritata sesta posizione finale. Barbuda di Gianni Turco, chiude al ventesimo posto, non male visto che era alla sua prima esperienza come regatante e gareggiava, coadiuvato da amici di vela, con equipaggio familiare.

L’equipaggio di Hydra al termine della regata

Il 2019, per il velico di Cetraro, si è rivelato un anno carico di emozioni e, grazie a questo nuovo successo, il CVL può ritenersi pienamente soddisfatto per gli ottimi risultati fin quì ottenuti.