Cetraro In Rete

L'informazione che mancava

Gioco d’azzardo legale, reddito e disoccupazione: quali correlazioni nel nostro territorio?

- Attualità

I casinò sul web hanno registrato una crescita considerevole

Facebook

Il recente Decreto Dignità approvato dal Consiglio dei Ministri riapre ancora una volta il dibattito sul gioco d’azzardo e su come dovrebbero esserne gestite la pubblicità e l’offerta.

Sono molti gli studi che mettono in evidenza come il mondo del gioco e delle scommesse stia riscuotendo un notevole successo tra gli italiani. I casinò sul web, in particolare, hanno registrato una crescita considerevole, che può essere spiegata con la facilità di accesso al gioco e con il fatto che gli utenti possono ricevere bonus in denaro e giri gratis sui casino online che permettono di intrattenersi anche senza utilizzare fondi personali.

Nonostante il gioco legale sia il terzo settore economico più importante e florido in Italia, amministratori locali e governo sono preoccupati per quella porzione di cittadini che non riescono a goderlo in modo responsabile e cadono nelle maglie del gioco compulsivo e della dipendenza. Per poter fare scelte legislative e normative adeguate, è tuttavia importante conoscere a fondo il fenomeno del gioco e la sua relazione con la possibilità di spesa dei giocatori.

Allo scopo di determinare se esiste una correlazione tra raccolta dei giochi e reddito degli utenti oppure tra raccolta e disoccupazione, IlSole24Ore ha commissionato ad Infodata uno studio basato sui dati forniti dall’Agenzie Dogane e Monopoli, il Ministero delle Finanze e l’Istat e che ha creato una mappatura di tutti i comuni italiani.

Grazie a questa analisi possiamo esplorare in maniera approfondita la situazione del gioco legale nella provincia di Cosenza e anche a Cetraro.

Un primo livello di approfondimento riguarda il livello della raccolta nella provincia. Considerando che la spesa media nazionale pro-capite a livello nazionale è pari a 610,3€, sono solo otto i comuni che vanno al di là di questo riferimento e sono Mangone (1.428,08€), Rende (1.070,84€), San Marco Argentano (1.004,10€), Altilia (996,71€), Pietrapaola (844,40€), Falconara Albanese (804,84€), Zumpano (771,08€), Montalto Uffugo (751,17€). Il comune di Cetraro si colloca ben al di sotto della media nazionale con una spesa pro-capite nei giochi legali di 372,53€.

Per esplorare l’assunto che afferma che si gioca maggiormente laddove il reddito è più basso, Infodata ha incrociato i dati della spesa 2017 con quelli del reddito medio dichiarato per il 2016.

Dei 155 comuni cosentini, sono sette quelli che vanno a confermare questa teoria e sono (in ordine alfabetico): Altilia, Falconara Albanese, Mangone, Montalto Uffugo, Pietrapaola, San Marco Argentano, Zumpano. Per quanto riguarda Cetraro, alla bassa raccolta indicata sopra corrisponde anche un basso reddito e non è possibile quindi fare nessuna correlazione tra le due misure.

Per quanto riguarda invece il rapporto tra spesa nei giochi e occupazione, nella ricerca di Infodata sono disponibili dati solo a livello provinciale. Il tasso medio di disoccupazione nazionale nel 2017 è stato del 11,21% e Cosenza si colloca purtroppo ben al di sopra di questa percentuale, con una disoccupazione pari al 21,17% ed un livello medio di raccolta alto.

È ancora una volta importante sottolineare che questi sono i dati relativi solo ai giochi legali ed autorizzati, che si tratti di scommesse sportive, casinò online, lotterie o Gratta e Vinci. Probabilmente il quadro sarebbe diverso se si potesse in qualche modo tenere in considerazione anche quella porzione di raccolta che finisce nelle mani della criminalità.

COMMENTI AL POST
AUTORE DEL POST: Redazione