Cetraro In Rete • CiRNews.it

L’informazione che mancava

Crolla il tetto di un fabbricato nel centro storico

- Cronaca

«È stata evitata una tragedia». Con queste parole il primo cittadino di Cetraro, Giuseppe Aieta, ha commentato il crollo del tetto di un fabbricato nel centro storico della cittadina tirrenica. Il fatto, avvenuto nei giorni scorsi, ha visto il completo distacco della copertura dell’edificio di proprietà dell’Aterp, l’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica della provincia […]

Facebook

«È stata evitata una tragedia».

Con queste parole il primo cittadino di Cetraro, Giuseppe Aieta, ha commentato il crollo del tetto di un fabbricato nel centro storico della cittadina tirrenica. Il fatto, avvenuto nei giorni scorsi, ha visto il completo distacco della copertura dell’edificio di proprietà dell’Aterp, l’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale pubblica della provincia di Cosenza.

Il plesso in questione, situato in Via Silvio Pellico, era oggetto di ristrutturazione e la copertura provvisoria era stata posizionata in attesa dei lavori. Questi, sarebbero dovuti iniziare a seguito di un finanziamento regionale concesso proprio all’Aterp di Cosenza.

L’agevolazione, però, è stata bloccata e i lavori non sono andati avanti.

Poche ore dopo il fatto, è stata eseguita una verifica da parte dei tecnici comunali e dei Vigili del fuoco. Il sopralluogo ha evidenziato una situazione di grave pericolo, avendo, il cedimento strutturale, causato serie lesioni ai solai sottostanti.

«Avevamo certezza che su quell’immobile sarebbe  intervenuta l’Aterp con i finanziamenti regionali – ha sottolineato il sindaco Aieta – ma, ad un certo punto, tutto si è bloccato. Non ci resta che attendere la decisione della Regione per sbloccare il finanziamento, anche alla luce di quanto accaduto. Per questo, ho chiesto un incontro al Presidente della regione Calabria Giuseppe Scopelliti e l’assessore regionale ai Lavori pubblici, Pino Gentile, per capire se ci sono le condizioni per riprendere i lavori, al fine di evitare rischi per i cittadini. Quel palazzo, allo stato, è, infatti, privo di copertura, per cui le piogge potrebbero aggravarne le già precarie condizioni  statiche. L’alternativa è evacuare un intero quartiere, che, con l’approssimarsi delle piogge, si vedrebbe  esposto a grandi rischi».

COMMENTI AL POST
AUTORE DEL POST: Francesco Forestiero




Scroll Up