Cetraro In Rete

L'informazione che mancava

Straordinario quello che sta succedendo ai licei di Cetraro da qualche anno. In modo progressivo e costante il numero di iscrizioni sale vertiginosamente

Che numeri, che scuola, che Città

Angelo Aita, in Politica
Condividi su Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

“Per il prossimo anno scolastico ben 180 ragazzi hanno scelto Cetraro, portando la popolazione scolastica dei licei che era di 404 unità nel 2014 a 750 nel 2018.

Numeri da record nel territorio Cosentino, da 80 iscrizioni in media fino al 2015 in ben 3 anni passiamo a 120 nel 2016 a 150 del 2017 a 180 nel 2018.

Un trend fantastico che coincide con la presenza del dirigente Graziano di Pasqua che ha saputo dare organizzazione e evidenza al gran lavoro di qualità didattica dei docenti. Un punto di riferimento per alunni e genitori che con caparbietà e intelligenza è riuscito a trovare un nuovo rapporto con il mondo esterno, facendo diventare realtà visiva le competenze acquisite dai ragazzi.

Il connubio relazionale formativo tra docenti e alunni è un modello di formazione che tutti ci invidiano.

Centinaia di ragazzi e famiglie provenienti dai paesi limitrofi stanno riempiendo la città di nuove relazioni,di gratitudine per il lavoro e la professionalità della scuola, ma anche per l’accoglienza, in una città cambiata, matura, bella e rispettosa. Una Città di nuovo punto di riferimento culturale del territorio.

Grazie preside, grazie cari colleghi docenti, grazie a tutti voi operatori scolastici, grazie a voi ragazzi cuore pulsante di questa scuola, e infine a voi comunità cetrarese un grazie di vero cuore.

Sì grazie a voi i miei concittadini, che con il vostro sacrificio, impegno e laboriosità siete riusciti negli anni a far ritornare Cetraro, la città della cultura, della speranza e della bellezza.

Gioiamo insieme per la più bella notizia di questo 2018 e insieme riflettiamo:
Se gli altri vedono noi e la nostra città cambiata, se la ritengono luogo ideale per far crescere e maturare i propri figli… allora significa che davvero stiamo cambiando.

Che Città, che orgoglio per me essere il vostro Sindaco.

Angelo Aita

 

COMMENTA IL POST


Questo articolo è stato letto 79 volte
© 2018 CiRNews - Vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti

Scroll Up
error: Questo contenuto è protetto