L’emigrante cetrarese

È così: dopo aver raccolto le poche cose che avevano in delle valige di cartone, li vedevi allontanarsi sempre più, sparire all’orizzonte, accompagnati da un vento caritatevole, che sembrava accarezzare le guance, asciugando quelle lacrime …