Press "Enter" to skip to content

Strisciannu e stuorticannu…

Last updated on 25 Febbraio 2017

lucertolaMi è capitata sotto gli occhi la poesiola che vi propongo, opera del poeta calabrese Vittorio Butera. Quanta amara attualità e verità si nasconde, purtroppo, dietro questi versi! Eppure siamo circa sessant’anni fa…

Oggi più di ieri! Quando cambia il mondo?

***

‘A licerta e ru curzune

‘Na licerta,
sberta sberta,
a ra loggia spalancata
de ‘na scola era ‘ncriccata,
e, ccurcata
supra l’anta,
tutta quanta
rusicata, d’ ‘o barcune,
se gudìa ro solliune.
Intra, cc’era
‘nna filèra
de sculari
gridazzari;
ma, chiù d’intra ancore, cc’era,
ccu ra frunte rughijata
e ra capu ‘na nivèra,
‘nu maestro chi facìa
llizzione ‘e giumitria.
Se chiamava ddonnu Titta
e ra crozza avìa ddiritta.
De ‘na cagna de lavagna
scassàu pprima zerti cunti;
pue pigliau, signàu ddui punti
e ddicìu: “Ppe d’arrivare
de ccà ccà se puotu ffare
mille vie, billizze mie:
chista, ‘st’àutra, chista ccà;
ma sintiti a Ddonnu Titta,
chi de vue de cchiù nne sa,
‘a cchiù ccurta è ra diritta.”
‘A licerta chi sintiu
disse: “È bberu
ppe’ ddavèru!”
E, dde tannu, si camina,
fuje, spritta e bbà ddiritta,
pirzuasa ch ‘abbicina.
Doppu ‘n ‘annu, ‘na matina,
mentre jìa
a ttruvare ‘na vicina,
‘a vavìa
s’affruntàu ccu ‘nnu curzune
chi, ‘u’ ssapìennu giumitria,
stuorticannu si nne jìa.
‘A licerta le dicìu:
“Biellu miu,
Si camini ccussì stuortu
Quannu arrivi? Doppu muortu?
A ra scola ‘un ce si’ statu?
E ru mastru ‘un te l’ha ddittu
ca ‘u caminu cchiù bbicinu
sulamente è ru dirittu?
Già, i curzuni, tutti quanti,
siti stùpiti e gnuranti”.
“Hai ragiune! Vere sperte
‘un ce siti ca ‘e licerte;
ma ‘sta vota si’ ‘nna ciota.
E ppue dire a Ddonnu Titta
ca, ccu tutta ‘a giumitrìa,
‘a cchiù storta d’ogne bbia
quasi sempre è ra diritta!…
Chine vo’ ppriestu arrivare
è strisciannu e stuorticannu
ch’a ‘stu munnu ha dde marciare!”

***

La lucertola e la serpe
Una lucertola, svelta, svelta, si era arrampicata alla loggia spalancata di una scuola e, coricata sopra la soglia tutta quanta rosicchiata del balcone, si godeva il solleone. All’interno, c’era una lunga fila di scolari schiamazzanti; ma ancora più all’interno, c’era con la fronte rugosa e in capo una nevicata (coi capelli bianchi) un maestro che faceva lezione di geometria. Si chiamava don Titta e la testa aveva diritta. Da una caspita di lavagna cancellò prima certi conti; poi incominciò a segnare due punti e disse: “Per arrivare da qua a qua si possono fare mille vie bellezze mie, questa, quest’altra e questa qua; ma ascoltate don Titta che ne sa più di voi, la più corta è la diritta”. La lucertola che sentì disse: “è vero, per davvero! – e da allora, quando cammina o fugge, salta e va diritta, persuasa di avvicinare. Dopo un anno, una mattina, mentre andava a trovare una vicina, lungo la via incontrò una serpe che, non sapendo la geometria, camminava a zig zag. La lucertola le disse:” Bella mia, se cammini così storto, quando arrivi? Dopo morta? A scuola non ci sei stata? Ed il maestro non te l’ha detto che il cammino più corto è solamente quello diritto? Già, i serpenti siete tutti stupidi e ignoranti “.” Hai ragione, intelligenti vere, siete solamente voi lucertole; ma questa volta sei una sciocca. Puoi dire a don Titta che, malgrado la geometria, la più storta di ogni via quasi sempre è quella diritta!… Chi vuole presto arrivare è strisciando e zigzagando che in questo mondo deve marciare! “.

***

VITTORIO MARIA BUTERA (CONFLENTI, 23 DICEMBRE 1877 – CATANZARO, 25 MARZO 1955) È STATO UN POETA ITALIANO, LE CUI COMPOSIZIONI POETICHE SONO STATE SCRITTE IN DIALETTO CALABRESE.
Nacque a Conflenti, una località alle pendici del monte Reventino il 23 dicembre 1877. Morta la madre, a poca distanza dal parto, fu allevato dalla nonna. Dopo aver frequentato le scuole elementari a Conflenti proseguì gli studi e visse in varie città: La Spezia, Catanzaro, Messina; infine fu a Napoli dove nel 1905 conseguì la laurea in Ingegneria. Lavorò per qualche tempo a Roma, Palermo, Crotone; poi si stabilì definitivamente a Catanzaro dove era stato assunto come ingegnere nell’Amministrazione Provinciale.
Nel 1949 smise di lavorare, per raggiunti limiti d’età, e solo allora, spinto dalle continue insistenze dei numerosi amici, decise di pubblicare la prima raccolta di poesie “Prima cantu e doppu cuntu” (Prima canto e poi racconto). Postume furono pubblicate altre due raccolte: “Tuornu e ccantu, tuornu e ccuntu” (Torno a cantare, torno a raccontare) nel 1960; “Inedite” nel 1978.
Le composizioni poetiche di Butera sono tipicamente delle favole in versi veicolanti un insegnamento morale tradizionale. Butera usa i metri dei favolisti del XVIII e del XIX secolo (per es., Tommaso Crudeli o le traduzioni delle favole di Krylov fatte da Vincenzo Monti) ma esclusivamente nel dialetto della natìa Conflenti. Protagonisti delle sue favole sono gli animali parlanti (come : A licerta e ru curzune ossia La lucertola e la biscia, E furmiche e ru voi, ossia Le formiche e il bue, A cuniglia e ra duonnula, ossia La coniglia e la donnola) oppure oggetti inanimati (E due commise, ossia Le due camicie, A naticchja e ra fermatura, ossia La chiave e la serratura).

Comments are closed.

2022 - 2023 © SCS Srl