Press "Enter" to skip to content

Egregio Sindaco, la città ha toccato il fondo!

Comincia così la lettera che Tommaso Cesareo, Consigliere comunale del PDL, indirizza al primo cittadino. Una missiva dura che continua: «Nel corso degli anni la nostra città è stata etichettata in vari modi: mafiosa, avvelenata (vedi nave dei veleni), fantasma ecc. Ma la definizione di città “puzzolente” non l’avrei mai immaginata». «Proprio cosi Sindaco! È da quando è stato messo in funzione il nuovo depuratore che la città è pervasa da un olezzo insopportabile che, oltre a danneggiare l’immagine della stessa, mortifica, esaspera e offende la nostra cittadinanza», continua Cesareo. «A nulla è valso – prosegue il consigliere – il…

Last updated on 26 Febbraio 2017

Comincia così la lettera che Tommaso Cesareo, Consigliere comunale del PDL, indirizza al primo cittadino.

Una missiva dura che continua: «Nel corso degli anni la nostra città è stata etichettata in vari modi: mafiosa, avvelenata (vedi nave dei veleni), fantasma ecc. Ma la definizione di città “puzzolente” non l’avrei mai immaginata».

«Proprio cosi Sindaco! È da quando è stato messo in funzione il nuovo depuratore che la città è pervasa da un olezzo insopportabile che, oltre a danneggiare l’immagine della stessa, mortifica, esaspera e offende la nostra cittadinanza», continua Cesareo.

«A nulla è valso – prosegue il consigliere – il nostro impegno nel contattare, per poi fare delle verifiche, il progettista e i manutentori. L’olezzo continua e spesso è accompagnato da esondazioni che allagano le vie cittadine. Cittadini esasperati, esercizi commerciali nei pressi delle “pompe di sollevamento” costretti a chiudere, immagine compromessa della città, sono fatti che non possono passare in sordina!»

«Pertanto – conclude – Le chiedo di individuare immediatamente i responsabili di questo misfatto ambientale cosi da risponderne all’Autorità Giudiziaria. È il minimo che possa fare per il rispetto dovuto ai nostri concittadini!».

Comments are closed.