Cetraro In Rete

L'informazione che mancava

Posto nel centro di Torino, il Golden Palace è un albergo di prestigio ospitato all’interno di un elegante edificio in stile razionalista progettato, nel secondo dopoguerra, dallo Studio Decker e destinato, in origine, a sede della Toro Assicurazioni. All’allestimento del corredo plastico provvidero numerosi artisti allora in voga; tra cui due maestri calabresi, che lasciarono […]

Due maestri calabresi al Golden Palace di Torino

Posto nel centro di Torino, il Golden Palace è un albergo di prestigio ospitato all’interno di un elegante edificio in stile razionalista progettato, nel secondo dopoguerra, dallo Studio Decker e destinato, in origine, a sede della Toro Assicurazioni. All’allestimento del corredo plastico provvidero numerosi artisti allora in voga; tra cui due maestri calabresi, che lasciarono il segno della loro arte in due parti distinte del palazzo.

Torino – Golden Palace – La Fecondità (Umberto Baglioni, c. 1946)

Proprio sull’ingresso, spiccano due statue di Umberto Baglioni (Scalea 1893 – Torino 1965) le quali sostengono, a mo’ di cariatidi, l’ampia pensilina che si dilunga sul fronte. Le statue rappresentano, in forma allegorica, la Fecondità e l’Abbondanza e furono eseguite in pietra grigia da Giovanni Chissotti su disegno e modello in gesso del Baglioni.

Baglioni era, allora, docente di scultura all’Accademia Albertina di Torino e titolare d’un atelier che vantava realizzazioni d’eccellenza, condotte spesso a complemento d’importanti lavori di architettura e d’urbanistica. Basti citare, in proposito, l’esecuzione, nel 1937, della coppia di statue del Po e della Dora – nella centrale piazza CLN – che formano, ancora oggi, un forte richiamo iconico del modello d’assetto cittadino imperante tra le due guerre.

Torino – Golden Palace – L’Abbondanza (Umberto Baglioni, c. 1946)
Torino – Piazza CLN – Fontana del Po (Umberto Baglioni, 1937)

Nella parte interna del Golden Palace, nell’intimo dehors che si fa largo dentro i corpi serrati del palazzo, è una splendida fontana monumentale dovuta all’arte di Michele Guerrisi (Cittanova 1893 – Roma 1963).

Torino – Golden Palace – Fontana monumentale (Michele Guerrisi, c. 1946)

La fontana, articolata in vasche digradanti, è composta da un gruppo di tre statue che rappresenta la Nascita di Venere; avendo, al centro, la figura stante d’una Venere nuda ed ai lati una Sirena ed un Tritone. Notevole è il contrasto cromatico tra l’oro delle statue ed il fondo bigio della pietra.

Così com’è proprio del Guerrisi – che soggiornò a Torino dal ‘22 al ‘41, insegnando storia dell’arte all’Accademia Albertina – la volontà di rendere quel “rigore classico d’origine” alla sua forma d’arte; che fece di lui un artista e teorico apprezzato della plastica italiana nella prima metà del ‘900.

Torino – Golden Palace – Fontana monumentale – Particolare (Michele Guerrisi, c. 1946)
Carlo Andreoli
Scroll Up
error: Questo contenuto è protetto