Press "Enter" to skip to content

Continua la strategia dello smantellamento…

Last updated on 29 Agosto 2021

“C’è una pubblicità che ci ricorda di verificare se il dentista da cui andiamo è laureato o è un impostore. Intanto i dentisti sono sempre più cari (e non è una critica), e cresce il numero di coloro che vanno nell’Europa dell’Est a farsi fare interventi di vario genere”.

odontoiatria-socialeComincia così una nota diffusa da Tommaso Cesareo in questi giorni. “A Cetraro, per fortuna, – continua – questo problema che affligge i meno abbienti non esiste. O meglio, visti gli ultimi risvolti, c’è il rischio che potremmo dire “non esisteva”. A Cetraro da più di dieci anni esiste un reparto di odontoiatria sociale, diretto dalla validissima dottoressa Flavia Favata, che si occupa delle cure dentali dei portatori di handicap e delle categorie sociali meno abbienti, di quelli cioè che non possono permettersi un dentista privato”.

“Bene, quel reparto – si legge – considerato un gioiello nel panorama sgangherato della sanità del Sud, rischia di chiudere. O peggio, rischia di essere trasferito a Paola. Voi vi domanderete: mancanza di fondi? carenza di personale? Niente di tutto questo. E allora? Udite, udite: mancanza di spazi!”.

“Avete capito bene. Nella cittadella ospedaliera di Cetraro – continua la nota – che potrebbe ospitare gli interi reparti di Paola e di Praia, manca uno spazio per l’odontoiatria sociale! Ma gli spazi ci sono eccome! E infatti, da quasi un anno, il direttore sanitario dell’ospedale di Cetraro ha individuato gli spazi necessari, sono stati stanziati i fondi, ma, stranamente, i tempi per la relativa gara per l’affido dei lavori, si allungano”.

“Chissà perchè… – conclude – Aspettiamo fiduciosi che il ‘nuovo corso’, ponga fine a quella strategia folle che vorrebbe smantellare il nostro nosocomio!”.

Comments are closed.

2022 - 2023 © SCS Srl