Cetraro In Rete • CiRNews.it

L’informazione che mancava

Addio ai reparti di Cardiologia e Medicina?

- Cronaca

Giorni particolarmente agitati a Cetraro a causa del decreto 106 del 20/10, con il quale il Presidente della Regione Calabria (Scopelliti) collocherebbe, nell’organizzazione del nuovo piano sanitario regionale, i reparti di Cardiologia e Medicina a Paola. Inutile dire quale sia il clima a Cetraro, caratterizzato certamente da una serie di polemiche alzatesi a riguardo e, […]

Facebook

Giorni particolarmente agitati a Cetraro a causa del decreto 106 del 20/10, con il quale il Presidente della Regione Calabria (Scopelliti) collocherebbe, nell’organizzazione del nuovo piano sanitario regionale, i reparti di Cardiologia e Medicina a Paola.

Inutile dire quale sia il clima a Cetraro, caratterizzato certamente da una serie di polemiche alzatesi a riguardo e, di riflesso, quanto sia grande il disappunto dei cittadini cetraresi. Una notizia, questa legata all’ospedale, che se confermata porterebbe davvero un duro colpo al sistema ospedaliero di Cetraro e un disagio ai cittadini.

Tuttavia segnaliamo che nei prossimi giorni il sindaco Aieta incontrerà il Presidente della Regione, al fine di chiarire quanto previsto dal decreto 106 del 20/10. In più, il Presidente del Consiglio Comunale ha convocato per oggi (alle ore 17.30) la Commissione Straordinaria sulla sanità presso il Municipio; alla quale saranno presenti i capo gruppo consiliari.

Sull’argomento, riportiamo una nota del Vice Sindaco Ermanno Cennamo, apparsa sul sito del PDCetraro.

Cetraro. Sull’ospedale parla il Vice Sindaco Ermanno Cennamo
“Crediamo ancora che in Calabria gli impegni siano onorati”

“Il decreto con cui il Presidente Scopelliti ha riorganizzato la rete ospedaliera e in particolare gli ospedali riuniti Cetraro-Paola, se da un lato ci stupisce, dall’altro lascia margini di manovra anche alla luce delle indicazioni date dal Tavolo Massicci che ha rimandato ad ulteriore e più completo atto la riorganizzazione degli stabilimenti ospedalieri.  D’altra parte vogliamo ancora ostinarci a credere, fino a prova contraria, che gli impegni assunti dal Presidente Scopelliti sul potenziamento dei reparti degli ospedali riuniti Cetraro-Paola e il sostanziale mantenimento dei reparti esistenti nei due ospedali, siano mantenuti per la correttezza istituzionale che in questi mesi è stata costruita tra il Sindaco di Cetraro e il Presidente della Regione Calabria. Capiamo che il Tavolo Massici necessitava di numeri ma al tempo stesso siamo certi che la qualità del servizio sanitario non può prescindere da una logica che nel decreto del Presidente non si coglie. Tra l’altro i segnali che arrivano direttamente dal Presidente Scopelliti al Sindaco confermano la volontà di trovare soluzioni anche in ossequio agli impegni che il Presidente ha assunto. Non ci siamo mai avventurati in irresponsabili dichiarazioni politiche nè quando l’ospedale di Paola veniva ridotto, ingiustamente, a Casa della Salute, nè quando l’atto aziendale del Commissario Scarpelli prevedeva una diverso equilibrio dei reparti. La sanità non è una squadra di calcio per cui tifare, nè materia per scambio politico-elettorale. In questi mesi abbiamo seguito la vicenda sanità mai avanzando logiche campanilistiche ma cercando sempre un sano equilibrio in un territorio che registra una migrazione sanitaria pesantissima. E siamo ostinati a proseguire con questo stile che è fatto di responsabilità e serietà. La prossima settimana è previsto un incontro, proposto dal Presidente Scopelliti, tra il Presidente stesso, il Sindaco Aieta, il Commissario Scarpelli e la struttura subcommissariale per trovare soluzioni che non mortifichino i cittadini. Siamo certi che in quella sede si individueranno strategie e proposte utili a ricreare un clima di serenità messo a dura prova da esultanze e mortificazioni fuori luogo che la citta di Cetraro non merita e che non permetterà. Il Presidente Scopelliti saprà trovare le giuste soluzioni al fine di non mortificare le comunità di Cetraro e Paola e non far naufragare rapporti e relazioni anche umani costruiti senza interessi di parte ma con grande slancio, garbo e correttezza istituzionali”.
Ermanno Cennamo
Vice Sindaco Cetraro




COMMENTI AL POST
AUTORE DEL POST: Andrea Ricco




Scroll Up