Press "Enter" to skip to content

Cetraro Jazz: il resoconto

Con l’esibizione di Alfredo Biondo e del suo sextet ha chiuso i battenti, lunedì scorso, la VI edizione del Cetraro Jazz, rassegna musicale che, da quattro anni a questa parte, è da considerare una parte integrante del cartellone musicale del Peperoncino Jazz Festival. A trarre le somme delle cinque serate, è l’Assessore alla Cultura del Comune di Cetraro, Fabio Angilica. “Il Festival Jazz – scrive Angilica – ideato dal compianto musicista Ermanno Del Trono a cui ogni anno è dedicato, rappresenta ormai per la nostra cittadina un appuntamento di altissimo spessore culturale, capace di attrarre centinaia di visitatori la maggior…

Last updated on 25 Febbraio 2017

Con l’esibizione di Alfredo Biondo e del suo sextet ha chiuso i battenti, lunedì scorso, la VI edizione del Cetraro Jazz, rassegna musicale che, da quattro anni a questa parte, è da considerare una parte integrante del cartellone musicale del Peperoncino Jazz Festival.

Jazz-a-CetraroA trarre le somme delle cinque serate, è l’Assessore alla Cultura del Comune di Cetraro, Fabio Angilica. “Il Festival Jazz – scrive Angilica – ideato dal compianto musicista Ermanno Del Trono a cui ogni anno è dedicato, rappresenta ormai per la nostra cittadina un appuntamento di altissimo spessore culturale, capace di attrarre centinaia di visitatori la maggior parte dei quali non residenti”.

“Un’iniziativa consolidatasi negli anni – continua – attraverso la qualeturisti e far conoscere ai turisti e agli spettatori le straordinarie risorse di cui il paese dispone, dal porto turistico al Palazzo Del Trono. Il Concerto di Gino Paoli e di Danilo Rea, infatti, con i suoi oltre duemila spettatori e quello di Stefano Bollani e di Enrico Rava degli scorsi anni, hanno fatto sì che il porto venga oggi visto non come un semplice luogo di attracco per le imbarcazioni dei diportisti ma come un vero e proprio salotto urbano, capace di accogliere in uno scenario d’eccezione anche gli appassionati più esigenti“.

“Non solo. Nella quattro giorni che si tiene nel centro storico cittadino – precisa l’Assessore – un pubblico attento e non convenzionale, che per tutte le serate ha preso d’assalto le gradinate del giardino di Palazzo Del Trono, facendo registrare sempre il tutto esaurito, ha potuto associare ad un piacevole momento di intrattenimento musicale, la possibilità di fruire di importanti ed originali servizi culturali che il museo archeologico e l’enoteca regionale, voluta dall’Amministrazione e di recente apertura, quotidianamente forniscono“.

“Non sono stati pochi infatti, gli appassionati di jazz che ai concerti hanno associato la visita al museo e la degustazione di prodotti dell’enogastronomia calabrese dell’enoteca Del Trono, trattenendosi fino a tarda ora sul selciato del palazzo. Questa importante piattaforma di servizi annessi alla struttura museale e che nei prossimi mesi pensiamo di ampliare e integrare con nuove offerte ancora oggetto di studio – termina Angilica – risponde ad un progetto di rilancio del centro urbano che questa Amministrazione si è posto come obiettivo prioritario, al fine di elevare il livello culturale della comunità e di stimolare la ripresa dell’economia cittadina”.

Ma gli appuntamenti che coinvolgono Palazzo Del Trono non sono terminati, proseguiranno infatti oggi, 29 agosto, con l’esibizione di giovani musicisti aderenti  ad un corso di formazione promosso dell’Amministrazione Comunale e dal Maestro Egisto Pisani e con gli incontri previsti al caffè letterario dell’enoteca Del Trono e che ci accompagneranno nel corso di tutti e quattro i giovedì del mese di settembre. Gli stessi, saranno curati dal giornalista Pasquale Guaglianone, dall’Accademia Terra Calabra e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Cetraro.

Comments are closed.