• 24 novembre 2017
Riceviamo e Pubblichiamo,

Sanità: lettera aperta dell’Unione delle Contrade

L’Unione delle Contrade “denuncia la demenziale proposta del commissario Scura, di allocare il dipartimento di emergenza urgenza, dello spoke Cetraro-Paola, nella struttura ospedaliera di Paola”

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

L’unione delle Contrade, ancora una volta denuncia la demenziale proposta del commissario Scura, di allocare il dipartimento di emergenza urgenza, dello spoke Cetraro-Paola, nella struttura ospedaliera di Paola.

Questa cervellotica scelta, contenuta nel Decreto 64 del commissario, appare l’evidente risultanza di precisi accordi e, forse anche per qualcuno, il prezzo politico da pagare. Il tutto, ovviamente, a discapito dei cittadini dell’intero territorio.

La logica del “Favore”, paradossalmente, penalizza tutti, compreso chi pensa, in quel momento, di trarne vantaggi. Alcune scelte sconsiderate, oltre a penalizzare i cittadini, comportano anche considerevoli danni erariali.

Per questi comportamenti irresponsabili, chiediamo alla magistratura che, in questo periodo sta svolgendo un efficace ed apprezzato lavoro, contro il male affare, di vigilare ed, eventualmente, di intervenire con la stessa decisione fin’ ora dimostrato contro la delinquenza organizzata che infesta la nostra Zona. Il direttore generale deve dimostrare capacità ed autonomia di questa classe politica incapace ed arrogante, deve evitare di assecondare le pressioni e le “tirate di giacche”.

In questa fase ha dimostrato di non avere la forza di decidere in modo obiettivo ed oculato e, soprattutto, tenendo conto della ricettività e della logistica delle strutture.

I Collaboratori “Direttore di Dipartimento”, incapaci di rendere efficienti i dipartimenti diretti.

È del tutto evidente che un periodo di totale assenza di una seria politica sanitaria penalizza le strutture pubbliche a favore delle cliniche private (Tricarico-Cascini). I CAMPANILISMI E LA POLITICA DEL “FAVORE” PRODUCE QUESTI RISULTATI.

Com’è pensabile non valorizzare una struttura ospedaliera come quella di Cetraro?

Solo dei folli possono pensare di attuare quanto previsto nel Decreto 64.

Alla politica, impegnata con i Selfie ed a coniugare slogan, diciamo di dimostrare un sussulto di orgoglio. Al Primo responsabile della politica Regionale, On. Mario Oliverio e a quella locale, Sindaco di Cetraro, Prof. Angelo Aita, ricordiamo che la salute dei cittadini è il bene più prezioso e, pertanto, va difeso.

Ai dirigenti dei Partiti locali chiediamo, di impegnare tutta la forza e capacità in favore di questo drammatico problema.

L’Unione delle Contrade, come sempre, è disponibile ad impegnarsi come già in passato ha dimostrato.

Se altri, non dovessero dimostrare la nostra sensibilità, anche da soli, non permetteremo ad altri di “derubare” ciò che di positivo possiede questa città.

Non consentiremo che “la cittadella sanitaria” subisca la sorte della Faini, del Posto di polizia, dei laboratori tessili e delle giovani menti.

 

Unione delle Contrade

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Potrebbero interessarti anche