• 24 novembre 2017
Riceviamo e Pubblichiamo,

Lunga vita alla Pro-Loco

Scritto dai consiglieri comunali: Angela Onorato, Carmen Spaccarotella, Samuele Losardo

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

La Pro-Loco Civitas Citrarii è una istituzione che appartiene alla storia della nostra città, custode insostituibile della nostra cultura, maestra di vita ed esportatrice, nel mondo, dei nostri costumi e delle nostre tradizioni. Soprattutto a lei si deve se, fin dal lontano 1986, con le sue idee e le sue iniziative, attraverso giganti che si sono succeduti alla sua Presidenza ed illustre persone facenti parte dei suoi Consigli direttivi, dopo anni bui di smarrimento civile e di devianze sociali, la nostra città riuscì a mettere insieme tutte le forze sane, laboriose, oneste, raggruppandole in un stato di sensibilità civica forse mai conosciuto ed elevando, in ogni generazione, il senso di appartenenza e di cittadinanza, con l’appassionato desiderio di divulgarlo e di farlo conoscere agli altri ed ai nostri ospiti e visitatori.

E’ questa la “Pro-Loco di Cetraro”! Un patrimonio che appartiene al popolo e che il popolo, attraverso la sua principale istituzione pubblica, annualmente sostiene e custodisce. Indipendentemente dal colore politico di chi governa questa città!

L’edizione di quest’anno è stata particolarmente sentita. Come non tributare i dovuti onori al Presidente della Pro-Loco, prof. Ciro Visca, che da anni, insieme ad encomiabili dirigenti, sostiene le fatiche di un’organizzazione che è complessa, difficile, impegnativa? Ma, a Lui va, soprattutto, la comune riconoscenza per aver dedicata, l’edizione di quest’anno, a due figure indimintecabili della nostra Comunità, Gigino Rapanà e Ciccio Ruggiero. E’ questo il messaggio vero e più profondo che la Pro-Loco emana attraverso il suo ruolo! Quello di far rivivere, nel cuore della gente, coloro che ci hanno lasciato e che tanto hanno dato ai Rioni e, quindi, alla nostra città.

Rioni e città che hanno un comune sentire e che non dimenticano le persone care che hanno lasciato tracce di sè stesse nelle loro comunità . Pensiamo che è solo frutto dell’azione educativa dei Rioni se, puntualmente, con manifesti funebri, essi partecipano il loro dolore e la loro tristezza in occasione della dipartita dei loro componenti.

Per questi motivi, e per il rispetto che tutti dobbiamo al Presidente ed a chi contribuì alla fondazione dei Giochi Rionali, chiediamo che sia disteso un velo pietoso sull’increscioso episodio della assenza dell’Amministrazione comunale sul palco della Presidenza, in Piazza del Popolo.

Siamo sicuri che si sia trattato solo di un semplice disguido, in seno ad un programma determinato. Il silenzio, forse, serve più di qualsiasi altra cosa, a manifestare le scuse per un errore che, pure, è sotto gli occhi di tutti. Non serve l’esaltazione del fatto a cura dell’avversario politico. Un errore ben più grave sarebbe stato se il sostegno ai Giochi non fosse stato inserito nella programmazione annuale del Bilancio. Questo non è stato e nessuno potrà mai dimostrare, con i fatti, un boicottaggio dei Giochi stessi da parte dell’Amministrazione comunale.

Nell’augurare lunga vita alla Pro-Loco ed un sostegno che, nel nostro ruolo amministrativo, non verrà mai meno, rivolgiamo i nostri infiniti ringraziamenti ai componenti di tutti gli otto Rioni che ci hanno dato, ancora una volta, la gioia di sentirci giovani ed un grande sentimento di appartenenza ad una città che è nel nostro cuore e nella nostra mente.

 

I consiglieri comunali
Angela Onorato, Carmen Spaccarotella, Samuele Losardo

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Potrebbero interessarti anche