Lampetia, è iniziato il ripascimento

Ripascimento: un’operazione che consentirà il ripristino del litorale della spiaggia e il recupero della profondità dei fondali alla “bocca” del Porto

La Redazione,

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on Pinterest

Ripascimento – Sostantivo maschile – “Riaccumulazione, naturale o artificiale, di sabbia negli arenili”.

È questa la definizione esatta del termine, ed è anche ciò che sta accadendo a Lampetia dove, da qualche giorno, si sta assistendo al lavoro straordinario realizzato grazie alla sabbia prelevata dall’ingresso del Porto. Un’operazione che consentirà il ripristino del litorale della spiaggia, l’inizio dei lavori di riqualificazione e, allo stesso tempo, il recupero della profondità dei fondali alla “bocca” del Porto di Cetraro.

Un intervento che si aspettava da diverso tempo e che, stando almeno ai commenti che quotidianamente popolano Facebook, sta a cuore a molti cetraresi. Uno, fra tanti, Agostino Brenna, del Comitato Lampetia Ora che, in più di un’occasione, aveva sollecitato l’intervento dell’Amministrazione comunale, chiedendo che venisse avviato un processo di riqualificazione della zona.

Ecco una spiegazione sensata. Criticare ok, ma quando ci vuole, l’Ammirazione non si può negare” – ha scritto Brenna complimentandosi con il vice sindaco Fabio Angilica che, tra i primi, aveva riportato la notizia sul social network di Mark Zuckerberg: “È iniziato il ripascimento straordinario di Lampetia con la sabbia prelevata dall’ingresso del Porto. È un’operazione che ci consente di ripristinare il litorale della spiaggia più bella in vista dell’estate e dell’inizio dei lavori di riqualificazione e allo stesso tempo recuperare la profondità dei fondali alla ‘bocca’ del porto”.

Ora non resta che aspettare i successivi lavori di riqualificazione di una delle più belle spiagge di Cetraro



Questo articolo è stato letto 2.908 volte
© 2017 Cetraro In Rete - Vietata la riproduzione, anche parziale, dei contenuti
A cura dell'Associazione Culturale e di Promozione Sociale Gruppo Delta