Flag "La Perla del Tirreno": una firma che apre le porte allo sviluppo territoriale locale • Cetraro In Rete
  • 17 ottobre 2017
Riceviamo e Pubblichiamo,

Flag “La Perla del Tirreno”: una firma che apre le porte allo sviluppo territoriale locale

Convenzione tra la Regione e il FLAG “La Perla del Tirreno” (Fisheries Local Action Group)

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Dal 29 settembre 2017, data in cui è stata firmata presso il Dipartimento 8 Agricoltura e Risorse Agroalimentari della Regione Calabria, la convenzione tra la Regione e il FLAG “La Perla del Tirreno” (Fisheries Local Action Group), si può finalmente dare inizio ad una nuova stagione per la Calabria che vuole crescere e che nel crescere ha interpretato in pieno quelli che sono oramai i concetti di sviluppo territoriale e di programmazione partecipata e sostenibile.

In una regione martoriata come la Calabria, soffocata nelle sue stesse potenzialità ed imprigionata contemporaneamente dal tentativo di togliersi dall’isolamento, l’opportunità di creare enti intermedi (i FLAGs) che possano costituire un “front office” per far conoscere la “mission” e la “vision” del Programma FEAMP (fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca) a tutti coloro che in qualche modo costituisco una Comunità, fanno parte di processi produttivi, di quelli che vengono comunemente definiti “filiere” dello specifico settore, è sicuramente uno dei primi passi per far emergere nel vasto panorama nazionale ed europeo, non solo la Regione Calabria, ma anche i territori che la costituiscono, ognuno con le proprie peculiarità.

Non più una programmazione “bibliografica”, ma una programmazione “bottom-up”, di quella che programma, pianifica dopo aver letto il territorio, dopo aver “scandagliato”, per rimanere in tema marittimo, le risorse, dopo averle messe a nudo e osservato le peculiarità ma più che altro le criticità da superare e se cosi non fosse da valorizzare.
Un lavoro certosino, un lavoro fatto a “molteplici” mano, la Regione Calabria, i FLAGs, le comunità, i territori.

Ecco perché la firma del Presidente del Flag Perti (Perla del Tirreno), Dott.ssa Gabriella LUCIANI, alla presenza del Dott. Cosimo CARIDDI, Dirigente dell’Autorità di gestione per la Regione Calabria, costituisce da un lato un’interazione tra due soggetti, Regione e FLAGs, ma più importante, incornicia e suggella il momento di maturazione di una crescita prima culturale per il raggiungimento di uno scopo, che in questo caso è proprio lo sviluppo di un territorio, che diventa locale nella delimitazione fisica, ma mantieni i connotati di una comunità europea.

È un segnale questo, non solo per la Regione Calabria che si mostra attenta e che ha iniziato un cambio di rotta nella gestione dei Fondi Comunitari, ma un segnale che i territori vogliono avere “voce”, vogliono emergere dall’oblio di vecchie ed insane politiche di gestione che nulla hanno portato se non sfiducia degli operatori verso gli Enti sovraordinati.

Lo sviluppo territoriale, è un processo  che non deve e non può essere promosso e realizzato unilateralmente. Il FLAG è questo, un organismo che fonda il suo essere sui quattro principi fondamentali dello sviluppo:

•    Eguaglianza, perché lo sviluppo deve essere un processo di ampliamento delle opportunità.
•    Sostenibilità, il processo di sviluppo deve autorigenerarsi in modo tale da garantire le basi per il suo perdurare nel tempo e, quindi, permettere a tutte le generazioni di beneficiarne. Il processo di sviluppo non deve compromettere il nostro ecosistema e deve quindi essere armonizzato con i mezzi che offre la natura e, al tempo stesso, esserne rispettoso.
•    Partecipazione, questo principio è fondamentale nel contesto dello sviluppo. Partecipazione, intesa in questo caso in senso lato e non solo riferito al concetto di partecipazione politica, significa che tutti gli individui devono essere coinvolti in profondità nei processi economici, sociali, culturali e politici che li riguardano. La partecipazione è una garanzia della sostenibilità del processo di sviluppo, perché solo attraverso la partecipazione si può essere artefici e moltiplicatori di sviluppo.
•    Produttività; per garantire uno sviluppo che non sia distorto, occorre che gli individui siano messi in condizione di partecipare ai processi economici in maniera attiva e, in particolare, devono essere messi nella condizione di essere agevolati.

Sono questi i concetti che costituiscono la chiave di lettura del Territorio secondo il FLAGs la Perla del Tirreno.
Il Flag “La Perla del Tirreno” che si estende su un’area di 155 km tra le due province di Cosenza e Catanzaro, comprende i comuni da Praia a Mare fino a Gizzeria. La Società Consortile del Flag è composta da ben 43 partner tra cui 14 comuni e altri soci del mondo della pesca e della società civile. Da oggi inizierà pertanto la fase esecutiva del Piano di Sviluppo adottato di  1.498.593,16 euro che saranno messi a disposizione in maniera responsabile, perché maturati con il territorio,  per dare modo di “rifunzionalizzare” un settore con politiche innovative,  con nuove “interpretazioni” che possono e devono seguire “le logiche” di cambiamento e le aspettative delle Comunità.

Richiamando un vecchio principio della fisica, ma importantissimo, si può affermare che nulla si crea, nulla si distrugge ma tutto si trasforma. E anche il settore della pesca, che vive momenti di “fermi” e “limiti” deve avere l’opportunità di crescere…

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Potrebbero interessarti anche