• 17 dicembre 2017
Redazione,

Cesareo: “…sfalcio dell’erba su tutto il territorio…”

“Le critiche sono legittime, ci mancherebbe. Ma ridicolizzare e sbeffeggiare chi lavora con passione e serietà, pur tra difficoltà ed errori, chi augura alla città e ai suoi concittadini l’avvento di un nuovo 25 aprile che li liberi dall’apatia, dalla rassegnazione e dalla critica strumentale, è un atto deplorevole”

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Dopo l’articolo pubblicato questa mattina e relativo al post di Francesco Iacovo sull’erba alta presso la scuola di San Pietro, è apparso sul profilo Facebook dell’assessore Tommaso Cesareo un articolo che sembrerebbe proprio una risposta alla provocazione sarcastica del reporter, visto che, l’Assessore, scrive proprio di sistemazione dell’erba alta presente presso gli edifici scolastici…

“Da leone a pavone…

Le foto – scrive Cesareo – rappresentano una disposizione di servizio stilata dall’Assessore Massimiliano Vaccaro, delegato alla manutenzione, con cui lo stesso sollecita gli uffici competenti a preparare, nel più breve tempo possibile, la gara per l’affidamento dello sfalcio dell’erba su tutto il territorio, in modo particolare nei pressi degli edifici scolastici!”.

“Qualcuno si chiederà: perchè ricorrere ad una ditta esterna? Domanda legittima. Perchè il personale a disposizione del comune, in rapporto alla vastità del nostro territorio (uno dei più vasti della provincia!), è numericamente scarso. Ma nonostante tutto, l’Amministrazione comunale utilizza ugualmente, e al meglio, gli operai che ha a disposizione”.

“Non è mia intenzione comunicare quanto scritto per ricevere lodi o benevolenze future – precisa Cesareo – nè tantomeno per zittire chi espone (anche se in modo strumentale, artefatto e pavonesco) alcune criticità. Ma è solo per far capire che non stiamo con le braccia conserte. Le critiche sono legittime, ci mancherebbe. Ma ridicolizzare e sbeffeggiare chi lavora con passione e serietà, pur tra difficoltà ed errori, chi augura alla città e ai suoi concittadini l’avvento di un nuovo 25 aprile che li liberi dall’apatia, dalla rassegnazione e dalla critica strumentale, è un atto deplorevole”.

“A questo punto – chiude – siate consapevoli della vostra tendenza al “De Profundis“, e sceglietevi un altra data! Magari il due Novembre! Con tutto il rispetto per i nostri cari defunti!”.

A seguire le foto pubblicate dall’assessore Cesareo in calce al post.

Condividi... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+

Potrebbero interessarti anche